La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 21 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Anna Arnaudo in gara nei 10.000 metri ai Campionati Europei

Strepitosa vittoria di Nadia Battocletti, la giovane borgarina si è fermata a circa metà percorso

Roma

La Guida - Anna Arnaudo in gara nei 10.000 metri ai Campionati Europei

Anna Arnaudo si è ritirata intorno a metà gara nei 10.000 metri femminili ai campionati europei, disputata martedì 11 giugno, alle 21.30, a Roma e vinta da un’altra azzurra, Nadia Battocletti con una prova strepitosa. La giovane borgarina, 23 anni, campionessa italiana sulla distanza, non è riuscita a tenere il passo delle battistrada in una gara dal ritmo elevato fin dalle prime battute e si è fermata dopo quattro chilometri e mezzo.

“Non so cosa avessi stasera, ma davvero le gambe non funzionavano – ha detto ai microfoni Rai – È il mio terzo 10mila di questo mese, probabilmente sono arrivata un po’ stanca. Da domani cercherò di analizzare questa prova e di capirne il motivo. Resta una bellissima esperienza”.

La trentina Battocletti, 24 anni, ha vinto la sua seconda medaglia d’oro in questi campionati europei dopo quella nei 5.000 metri e ha stabilito anche il nuovo record italiano (30’51″32) tolto dopo 24 anni a Maura Viceconte (31’05”57 nel 2000). Mai nessuna donna italiana aveva vinto due ori nella stessa edizione degli Europei, al maschile solo Pietro Mennea nel 1978 e Salvatore Antibo nel 1990. Alle sue spalle l’olandese Diane Van Es (30:57.24) e la britannica Megan Keith (31:04.77).

Battocletti, celebrata (emozionatissima) anche dal capo dello Stato Sergio Mattarella, diventa la quarta donna nella rassegna continentale a vincere 5000 e 10.000 in una sola edizione dopo Sonia O’Sullivan (1998), Elvan Abeylegesse (2010) e Yasemin Can (2016).

“Mi sono divertita davvero tanto. Ho affrontato i 5000 in modo più aggressivo – la trentina confronta le due vittorie di Roma – e qui mi sono promessa di divertirmi. In questo stadio vivo tutto come una meraviglia. Penso di aver fatto un salto di qualità dopo i Mondiali di Budapest: si impara molto di più dalle sconfitte che dalle vittorie. Senza sudore, senza sacrifici, senza sforzi non si ottiene nulla: sono entrata in una dimensione diversa ispirandomi alle più forti mezzofondiste del mondo, che spaziano dai 1500 ai 10.000. Grazie allo staff medico della federazione: dopo i 5000 ho avuti tanti piccoli problemini, dalle vesciche a un orzaiolo. Il presidente Mattarella era particolarmente emozionato, è stata una situazione particolare, suggestiva”.

Per l’Italia è anche la prima medaglia in assoluto a un Europeo sulla distanza. È una serata magica per l’Italia: dietro l’olandese Diane Van Es (30:57.24) e la britannica Megan Keith (31:04.77) ecco Federica Del Buono, quarta con il personale in 31:25.41 e quarta anche nelle liste italiane all time (dietro Battocletti, Viceconte e Silvia Sommaggio), Elisa Palmero è sesta in gara con 31:38.45 e sesta italiana all time. Valentina Gemetto, di Gambasca (Dk Runners Milano) chiude 21ª (33:23.43), Anna Arnaudo (Battaglio Cus Torino) si era nel frattempo fermata dopo quattro chilometri e mezzo.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente