La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 15 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Microcosmo scolastico ferito da pregiudizi e ingiustizie

“La sala professori”, il Premio Lux del Parlamento europeo al cinema Lanteri mercoledì 29 maggio

Cuneo

La Guida - Microcosmo scolastico ferito da pregiudizi e ingiustizie

“La sala professori” conclude mercoledì 29 maggio, alle 20.45, la breve rassegna “Quo vadis, Europa?”. Organizzata dal cinema Lanteri in collaborazione con Apice, Associazione per l’incontro tra le culture in Europa, era dedicata ad alcuni temi che coinvolgono l’Unione Europea in vista della prossima consultazione elettorale.

Quest’ultimo appuntamento porta l’attenzione sulla scuola appoggiandosi a un film che ha ottenuto il Premio Lux del pubblico, un riconoscimento che annualmente è assegnato dal Parlamento europeo. Nello specifico il premio è dedicato a quelle opere che sensibilizzano su questioni sociali e politiche attuali. È la scuola in questo caso ad essere al centro dell’opera del regista Ilker Catak, ma è chiaro che il microcosmo di una scuola provincia rimanda a un più ampio panorama sociale e politico. Pregiudizi, affrettati sospetti che si traducono in accuse, raffazzonate indagini per scoprire un colpevole, prima ancora di cercarne le motivazioni, sono gli ingredienti della vicenda.

A osservare il tutto e cercare di reagire è Carla Nowak, insegnante di matematica in una scuola di eccellenza dove la “tolleranza zero” è proclamata come principio, si professa il dialogo tra studenti e insegnanti a fondamento dell’azione educativa. Immagine rassicurante che entra in crisi in un consiglio di classe esplode il caso di alcuni furti. I docenti improvvisano interrogatori, favorendo delazioni, intervenendo in classe, sfiorando senza ritegno il pregiudizio. È la giovane insegnante a chiedersi se sono ammissibili manipolazioni, se i metodi siano confacenti alle finalità educative della scuola, se un ambiente del genere sia esempio di giustizia per le giovani generazioni, costruttivo di una società che non favorisca la violenza. Situazione che si aggrava ulteriormente allorché è la stessa Nowak condurre le proprie indagini.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente