La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 18 maggio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

In auto avevano tre pistole e molte munizioni, sono a processo

Le testimonianze dei militari di pattuglia e del Ris sul ritrovamento di armi nell'auto di due persone fermate a un posto di blocco

Centallo

La Guida - In auto avevano tre pistole e molte munizioni, sono a processo
Avevano fermato la Fiat Panda con a bordo due uomini e una donna per un normale controllo di routine, ma a bordo dell’auto che procedeva sulla provinciale tra Centallo e Roata Chiusani, i militari quel pomeriggio del 21 agosto 2020 trovarono all’interno di uno zaino poggiato sul sedile posteriore un pacchetto di cellophane che conteneva tre pistole, due scatole di cartucce con circa 200 proiettili e una fondina. Con l’accusa di porto illegale di armi e ricettazione sono stati rinviati a giudizio M. A. e Y. E., due cugini di origine albanese che proprio in quei giorni stavano svolgendo lavori di giardinaggio presso Villa Chiusano e che alle accuse degli inquirenti si sono difesi sostenendo di aver trovato quel pacco all’interno del parco della villa e di averlo preso senza chiedersi che cosa ci fosse dentro. Le tre pistole (due semiautomatiche Browning e una Beretta 7,65) e i proiettili (138 calibro 7,65 e 43 calibro 22) sono stati spediti ai Ris di Parma per le analisi insieme a una carabina ad aria compressa trovata a casa di uno dei due indagati: “Le pistole erano funzionanti – ha riferito in aula il maresciallo che aveva eseguito i controlli – e non risultava fossero state utilizzate in fatti delittuosi. Una delle due Browning aveva la matricola abrasa”. Da ulteriori controlli era poi risultato che la Beretta faceva parte di un lotto venduto al ministero di Grazia e giustizia. “Quel pomeriggio quando abbiamo fermato l’auto – ha riferito alla giudice il Carabiniere di pattuglia – M. A. era alla guida e Y. E. era sul sedile posteriore; quando abbiamo proceduto al controllo avevano un comportamento anomalo. Nello zaino di Y. E. abbiamo trovato il pacco con le armi; l’involucro che le conteneva era parzialmente aperto e sbucava il calcio di una pistola. Successivamente a casa di M. A. abbiamo trovato la carabina ad aria compressa”. In aula i due uomini si sono giustificati dicendo di non avere idea di cosa ci fosse in quel pacco: “L’ho trovato per terra nella villa dove da due settimane lavoravamo come giardinieri – ha detto Y. E. – mentre lo avevo in mano avevo ricevuto una telefonata e l’ho poggiato sul tavolo dove c’erano altri attrezzi. Poi quando abbiamo finito il lavoro l’ho preso insieme a tutto il resto. Non ero consapevole di che cosa ci fosse dentro. L’involucro era piccolo e chiuso con più giri di plastica e adesivo marrone. Non si vedeva il contenuto”. L’udienza è stata rinviata al 3 maggio per la conclusione dell’istruttoria.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente