La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 19 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Opportunismi politici pesano sulla morte di un ufficiale

Scoprire nel marzo 1859 il cadavere di un ufficiale francese in una villa alle porte di Torino è ben più di un caso di cronaca nera

La Guida - Opportunismi politici pesano sulla morte di un ufficiale

Scoprire nel marzo 1859 il cadavere di un ufficiale francese in una villa alle porte di Torino è ben più di un caso di cronaca nera. Martigny era infatti rappresentante del governo francese, quindi la questione si fa spinosa con un Cavour che sta tramando segretamente per far scoppiare una nuova guerra con l’Austria e così far intervenire Napoleone III, secondo gli accordi di Plombières.

La diplomazia francese sente aria di inganno nelle manovre sabaude. D’altra parte il regno inglese guarda con sospetto questi passi cercando di trarne il maggior guadagno o, almeno, il minimo danno.

Torino è il cuore di un giallo storico a sfondo politico. La trama è un intreccio di opportunismi politici, ragion di stato e guizzi di onestà nell’investigatore Giacomo Dho, nato a Cuneo, ma finito oltre Manica. Le sue idee patriottiche e rivoluzionarie a suo tempo gli avevano infatti attirato guai in patria, ma anche avevano suscitato l’interesse dei servizi segreti britannici che, dopo averlo prelevato a Genova, l’avevano addestrato bene. Ora è spedito a Torino dove lo aspetta il compito di fare luce sul caso del colonnello.

Delitto a scopo di rapina, escluso. Martigny aveva un amante “come quasi tutti i personaggi di rango e i politici della Torino Sabauda”. La passione sarebbe la soluzione più semplice, ma i movimenti del colonnello fanno subito pensare a uno sfondo politico.

Così il giallo si offre come un colorato quadro della scena preunitaria nella Torino che sente ormai imminente  una nuova guerra.

Lo scacchiere internazionale è in subbuglio, ma gli stessi patrioti paiono disorientati al tramonto della stagione risorgimentale. Mazziniani, garibaldini, altri tentati dalla nuova ideologia socialista si affollano a titolo di amicizia o per la causa intorno all’omicidio nella Villa della Tesoriera.

Davanti a una politica a cui “basta un colpevole”, a una ragion di stato che preferisce il silenzio allo scandalo, anche la giustizia deve piegarsi amaramente, mentre la storia fa il suo corso. La guerra esplode e dispone lei le carte delle deduzioni per chiudere il caso.

Il passato si presenta come anticipatore di anni più recenti. Le idee si fanno duttili per ragioni politiche e chi ancora persegue un comportamento integerrimo non può che registrare  la propria sconfitta.

Il caso del colonnello francese

di Patrizia Petruccione, Riccardo Aicardi

Editrice Robin

euro 14

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente