La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 18 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cittadino indiano condannato con l’accusa di essere un “passeur”

Nel maggio dello scorso anno era stato fermato in alta valle Stura con tre pakistani sulla sua auto

La Guida - Cittadino indiano condannato con l’accusa di essere un “passeur”

Cuneo – È stato condannato a un anno e quattro mesi di reclusione e 30.000 euro di multa S. S., cittadino indiano accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Il 26 maggio 2023 era stato intercettato ad Aisone da una pattuglia della Polizia di frontiera, mentre trasportava a bordo di una Fiat 500 tre cittadini pakistani tutti sprovvisti di documenti e permesso di soggiorno. In aula l’agente della Polizia che aveva eseguito il fermo dell’autovettura, mentre scendeva dal Colle della Maddalena, ha riferito che l’auto su cui viaggiavano i quattro passeggeri era stata noleggiata da una ditta portoghese e che, stando alle impostazioni del navigatore, i quattro erano diretti a Torre Canavese, nel torinese. “I tre cittadini pakistani ci dissero che avevano conosciuto S. S. da alcuni mesi e che li stava accompagnando a fare visita a un loro amico ricoverato al Santa Croce”, ha riferito in aula l’agente della Polizia. I tre fecero il nome di una persona che però, a seguito di controlli, non risultava essere stata mai ricoverata nel nosocomio cuneese. A conclusione dell’istruttoria il pubblico ministero Alessandro Borgotallo ha sottolineato che il reato di favoreggiamento dell’immigrazione sussiste anche in assenza di ritrovamento di denaro: “Il reato di favoreggiamento sussiste a prescindere dalla natura onerosa del trasporto; che ci fosse o meno il titolo oneroso, è cosa che non riguarda il reato contestato”.
Secondo l’accusa invece era stata provata la premeditazione del reato, con il noleggio della vettura in Portogallo e la destinazione impostata nella località del torinese; con la scusa concordata dell’amico ricoverato all’ospedale e il passaggio da una persona che conoscevano poco o niente. Per l’imputato la richiesta di condanna era stata di 16 mesi di reclusione e 10.000 euro di multa. Secondo la difesa invece i tre, anche se sprovvisti di permesso di soggiorno, risultavano essere già stati in Italia in quanto destinatari di attività di rintraccio da parte delle forze dell’ordine. Per l’imputato e conducente della vettura, incensurato, la difesa aveva chiesto il non luogo a procedere per tenuta del fatto

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente