La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 20 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Roccavione, emessi quattro “Daspo Urbani”

Irrogati in seguito a un violento alterco tra quattro persone ubriache avvenuto lo scorso ottobre

La Guida - Roccavione, emessi quattro “Daspo Urbani”

Il costante controllo del territorio attuato dai Carabinieri del Comando Provinciale di Cuneo consente, in tutto il territorio, di intervenire per reprimere quelle forme illegalità apparentemente di minore impatto sociale ma che concorrono a far calare la sicurezza percepita dai cittadini e che, in ogni caso, creano delle turbative all’ordine ed alla sicurezza pubblica.. In tale quadro rientrano le attività recentemente portate a termine delle Compagnie Carabinieri di Alba e Borgo San Dalmazzo che hanno consentito di irrogare, nei gironi scorsi, 4 “fogli di via obbligatori” e 4 “Daspo urbani”.

Nella serata del 14 gennaio due stranieri, un uomo e una donna, entrambi domiciliati a Roma, sono stati fermati a Diano dai Carabinieri della locale Stazione privi di documenti di identità e alla guida di una autovettura della quale si erano appropriati indebitamente, con a bordo anche un modico quantitativo di sostanza stupefacente. In virtù della loro dimostrata pericolosità sociale, desunta anche dai precedenti di polizia, il Questore di Cuneo ha emesso, su richiesta dei Carabinieri, un foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Diano per 3 anni per l’uomo e di 2 anni per la donna.

Nel pomeriggio del 23 gennaio i Carabinieri dell’aliquota radiomobile della Compagnia di Alba, hanno raccolto forti sospetti a carico di una coppia di giovani per un furto in abitazione consumato a Treiso. Considerati i precedenti di polizia per reati contro il patrimonio a carico dei due, in applicazione delle nuove misure previste dal c.d. “Decreto Caivano”, i Carabinieri di Alba hanno richiesto al Questore l’applicazione della misura del Foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno, poi accolta con il divieto per i due di fare ritorno nel Comune di Treiso per anni 3.

I Carabinieri di Borgo San Dalmazzo, invece, in seguito a un violento alterco tra quattro persone ubriache avvenuto lo scorso ottobre nella piazza di Roccavione, hanno richiesto e
ottenuto l’emissione da parte del Questore della misura del divieto di accesso al centro storico ed agli esercizi pubblici (c.d. Daspo Willy) per tutte le 4 persone coinvolte. Recentemente la misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio è stata oggetto di revisione a seguito dell’adozione del cosiddetto “Decreto Caivano” (convertito nella legge n. 159/2023) che ha introdotto misure urgenti di contrasto al disagio giovanile, alla povertà, educativa e alla criminalità minorile, nonché per la sicurezza dei minori in ambito digitale” che prevede, tra le altre novità, l’aumento di un anno della durata massima del divieto di rientro nei comuni dai quali si è stati allontanati ed un inasprimento della pena nei casi di violazione del provvedimento di allontanamento, ora stabilita nella reclusione da sei a diciotto mesi oltre ad una multa di 1.000 euro.

Il “Daspo Willy”, invece, è una misura di prevenzione personale atipica di competenza dell’Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza, rientrante nella categoria dei “Divieti di accesso ad aree urbane”, la cui disciplina è stata modificata nel dicembre 2020, all’indomani dei tragici fatti che portarono all’omicidio del ventiduenne Willy Monteiro a Colleferro, in provincia di Roma. Il c.d. Decreto Sicurezza del 2020 (convertito nella legge n. 173/2020) prevede, di fatto, che nei confronti delle persone denunciate, negli ultimi tre anni, per reati commessi in occasione di gravi disordini avvenuti in pubblici esercizi o in locali di pubblico intrattenimento o nelle immediate vicinanze degli stessi, qualora dalla condotta possa derivare un pericolo per la sicurezza, il Questore possa vietare loro l’accesso in dette aree.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente