La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 18 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cuneo cerca fondi per nuove piste ciclabili

ll capoluogo capofila di un progetto che, insieme ai Comuni di Cervasca, Busca e Tarantasca, sarà candidato al bando regionale "PieMonta in bici: infrastrutture ciclistiche strategiche"

La Guida - Cuneo cerca fondi per nuove piste ciclabili

Cuneo – Cuneo parteciperà al bando regionale “PieMonta in bici: infrastrutture ciclistiche strategiche” con un progetto per realizzare nuove piste ciclabili presentato insieme ai comuni di Cervasca, Busca e Tarantasca. Mercoledì 20 dicembre, nella sala Giunta del Comune di Cuneo, i Sindaci delle quattro città sottoscriveranno un Protocollo d’intesa che renderà possibile la presentazione dello studio di progettazione e della domanda di finanziamento alla Regione Piemonte entro la scadenza prefissata (fine marzo 2024).
Il bando e il relativo finanziamento premiano infastti progetti che hanno caratteristiche specifiche, come il fatto che a concorrere siano progetti con una dimensione sovralocale presentati da Comuni in forma aggregata, che i collegamenti ciclabili proposti siano preferibilmente di tipo lavorativo, che mettano in comunicazione i trasporti di lunga percorrenza su ferro con l’ultimo miglio in bicicletta.
Si lavorerà insieme su due direttrici che partono dalla Stazione ferroviaria di Cuneo: la prima verso Cervasca, passando da Cerialdo, la frazione più vicina all’altipiano ma fino ad oggi senza un collegamento ciclabile. Questo percorso diventerà uno snodo nevralgico anche in vista della costruzione del nuovo ospedale e collegherà una delle aree industriali più importanti e più popolose alle porte di Cuneo, con un valore aggiunto turistico verso le valli Grana e Stura. La seconda direttrice, verso Busca e Tarantasca, proseguirà il collegamento verso le frazioni dell’Oltrestura e contribuirà a completare un collegamento turistico nel contesto del previsto Eurovelo 8: si potrà poi così pensare di realizzare una ciclovia che, partendo da Vernante, arriverà fino a Costigliole di Saluzzo, unendo 2 tratti già finanziati ed in corso di realizzazione, senza trascurare la funzione relativa agli spostamenti sistematici che, specialmente nel tratto tra San Chiaffredo e Busca, vedono attraversata un’area con insediamenti commerciali e produttivi importanti unitamente alla possibilità di interscambio con il trasporto pubblico locale
L’impegno dei quattro Comuni sarà di preparare uno studio complessivo, con la richiesta di finanziamento per il tratto verso Cervasca, in quanto zona dove c’è maggior concentrazione di utenza con potenziali spostamenti sistematici. La progettazione si connetterà anche ad interventi già prossimi come il collegamento verso Madonna dell’Olmo mettendo in rete tutta la rete di ciclabili cittadine. Per ciascun progetto finanziato la Regione Piemonte prevede uno stanziamento massimo di 2.500.000 di euro, che deve essere pari al 80% del costo totale degli interventi: i Comuni si impegnano perciò a garantire una compartecipazione al finanziamento per una quota del 20% con risorse comunali.
Il Comune di Cuneo (capofila) sarà responsabile delle attività per la presentazione del dossier di candidatura alla Regione Piemonte (che sarà realizzato in parte con il contributo della Fondazione Crc grazie al bando Attrazione Risorse), mentre un comitato tecnico dovrà monitorare e garantire il rispetto dei tempi e dell’iter progettuale.

 

 

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente