La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Riempie il carrello del supermercato e si rifiuta di pagare

Quarantenne residente Barge a processo per rapina impropria

La Guida - Riempie il carrello del supermercato e si rifiuta di pagare

Barge – Lo conoscevano come un cliente piuttosto sgarbato, perchè rispondeva male o non rispondeva affatto quando i commessi lo incrociavano fra i corridoi del Presto Fresco, ma la mattina del 17 luglio 2022 le cose sembrano essersi spinte un po’ oltre, con la sottrazione di merce dagli scaffali e una spinta alla cassiera che cercava di interrompere l’azione delittuosa: con l’accusa di rapina impropria è infatti stato rinviato a giudizio M.F.A., originario di Locri e residente a Barge. Poco dopo l’apertura del supermercato il 40enne, con il carrello della spesa pieno, stava raggiungendo l’uscita del negozio quando la cassiera lo fermò ricordandogli che non si poteva uscire senza pagare, “a quel punto lui disse che non avrebbe pagato perchè noi lo fregavamo” ha riferito in aula la cassiera testimone e vittima della violenta spinta ricevuta dall’imputato. L’uomo, convinto delle proprie ragioni, sarebbe rientrato con tutto il carrello sostenendo davanti alla commessa che lui avrebbe pagato solo 10 euro perchè convinto che in quel supermercato lo stessero fregando sulla merce scontata. “Era davanti a me mentre diceva che avrebbe pagato solo 10 euro e intanto metteva la merce nel suo trolley, poi mi ha dato una spinta sullo sterno e sono caduta a terra; mi disse che potevo pure denunciarlo e se ne è andato”. La donna chiamò i Carabinieri che raggiunsero l’uomo mentre stava per rientrare a casa, “era sorpreso che fossimo arrivati – ha riferito in aula il vicebrigadiere che ha fermato l’imputato – ed era convinto di avere ragione. Abbiamo recuperato la merce che è stata integralmente restituita al supermercato, mentre la commessa è stata portata in Pronto Soccorso per le cure del caso”. L’udienza è stata rinviata al 12 gennaio per la discussione e la sentenza.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente