La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 13 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

250.000 euro per la Pet del Santa Croce dall’Ail di Cuneo

L'assegno è stato consegnato questa mattina dalla Fondazione Ospedale Cuneo Onlus

La Guida - 250.000 euro per la Pet del Santa Croce dall’Ail di Cuneo

Cuneo – È stato consegnato questa mattina, martedì 31 ottobre, presso i locali della sede dell’Ail di Cuneo “Paolo Rubino” in via Schiapparelli 23, l’assegno simbolico da 250 mila euro che la sezione cuneese dell’Associazione Italiana contro Leucemie, Linfomi e Mieloma ha deciso di destinare al progetto seconda PET lanciato nei mesi scorsi dalla Fondazione Ospedale Cuneo Onlus. La cifra stampata sul fac-simile dell’assegno, riprodotto per l’occasione in grandi dimensioni, è una somma fondamentale per il buon esito dell’operazione e ben rappresentativa del costante impegno profuso ogni giorno da centinaia di volontari in ogni angolo della provincia a favore della lotta alla malattia e all’aiuto dei pazienti.

Ail aveva già nei giorni socrsi donato al Santa Croce 140 mila euro ai reparti di Ematologia, di Immunoematologia e medicina tarsfusionale (Simt) e Radioterapia dell’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle. Contributi che sono finiti per lo studio e la tecnologia per migliorare le terapie di chi è colpito da leucemie e tumori del sangue. Attrezzatture, arredi e sistemi di monitoraggio messi a disposizione che migliorano la cura del paziente e le loro prospettiva di vita, ma anche il lavoro dei medici e posizionano l’ospedale di Cuneo ai vertici della cura delle malattie leucemiche, specie dei cosiddetti “Studi clinici di Fase 1”, ponendo Cuneo tra i quattro ospedali del Piemonte, e unico extra-Torino, in questa fase innovativa di studio clinico.

“Quando a marzo, in occasione dell’avvio della campagna delle Uova di Pasqua, abbiamo annunciato la nostra discesa in campo a favore del progetto – spiega Anna Rubino, presidente dell’Ail di Cuneo Sezione “Paolo Rubino” – non ci eravamo ancora sbilanciati pubblicamente sulla cifra che avremmo potuto mettere a disposizione, in quanto non sapevamo quale risposta sarebbe arrivata dai volontari né conoscevamo l’esito delle attività annuali di raccolta fondi. Oggi, con due mesi d’anticipo sulla fine del 2023, addirittura prima che parta la nostra campagna più importante, quella delle Stelle di Natale, possiamo dire con immensa soddisfazione che i risultati raggiunti sono stati superiori alle aspettative, a cominciare dalle Uova di Pasqua per arrivare fino alla Passeggiata per la Vita da poco svoltasi a Dronero. L’entità delle donazioni raccolte nel 2023, il costante sostegno ricevuto dalle persone che ci gravitano intorno, ma soprattutto la gestione economica accorta e oculata che è stata fatta nei quasi 25 anni di vita dell’Ail di Cuneo, hanno posto le basi perché riuscissimo a dare un contributo così importante per un progetto in cui crediamo fortemente”.

Il percorso avviato dall’Ail di Cuneo con la Fondazione Ospedale Cuneo Onlus prevede, oltre all’acquisto di un nuovo tomografo, la pianificazione di una costante attività di formazione e di ricerca scientifica di alto livello al servizio non solo del nosocomio cuneese, ma di tutta la provincia di Cuneo e anche delle regioni limitrofe. L’Ail di Cuneo aveva già sostenuto la progettualità legata alla Pet negli anni passati, quando aveva cofinanziato una ricerca sull’utilizzo di questo strumento – che ha una grande importanza diagnostica per i pazienti onco-ematologici – per il trattamento più efficace e personalizzato del Linfoma di Hodgkin, una malattia curabile e abbastanza rara.

“Abbiamo voluto dedicare attenzione e dare visibilità alla donazione che ci è arrivata dall’Ail di Cuneo – commenta Silvia Merlo, presidente della Fondazione Ospedale Cuneo Onlus -, non solo perché si tratta di un contributo strategico per la buona riuscita del progetto, ma perché fin dall’inizio del nostro rapporto ci siamo accorti di come l’Ail sia un collaboratore prezioso, in quanto nel tempo si è radicato sul territorio  con grande credibilità. Come ho già affermato quando è partito il progetto, quello che stiamo facendo insieme non va solo a beneficio dell’ospedale di Cuneo, ma di tutti i malati che ne possono avere necessità in provincia come nelle altre regioni. Uno dei nostri obiettivi è rendere attrattivo a livello nazionale il nostro ospedale, che è hub provinciale. Per farlo il percorso è lavorare in rete con le altre associazioni del territorio, in quanto sommando le nostre forze possiamo raggiungere risultati sempre più ambiziosi”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente