La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 12 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cooperative, truffa sulle presenze nei centri di accoglienza

Cuneo, continua il processo ai responsabili di tre realtà accusate di non gestire correttamente i richiedenti asilo

La Guida - Cooperative, truffa sulle presenze nei centri di accoglienza

Cuneo – “Quando iniziò l’emergenza migranti nel 2016 noi eravamo già strutturati, non una cooperativa messa su per l’occasione, e la divisione in tre cooperative ce l’avevano imposta in un’altra provincia per questioni di contratti, noi la mantenemmo per semplificare la parte burocratica, ma ci presentavamo sempre come gruppo”. A parlare è E. A., figura di riferimento per le tre cooperative (Il Tulipano, Casa dell’Immacolata e Immacolata 1892), finito sul banco degli imputati insieme a G. B., G. M. e C. B. altri tre responsabili delle cooperative, con l’accusa di truffa per aver indebitamente percepito il sussidio di 35 euro al giorno disposto dal Governo ed erogato tramite le Prefetture per un totale di circa 300.000 euro, attestando falsamente la presenza dei richiedenti asilo nei centri di accoglienza da loro gestiti mentre questi si trovavano altrove. L’indagine era partita da un’ispezione fatta al centro di Montezemolo, uno dei tanti che le cooperative gestivano in provincia di Cuneo; i militari della Guardia di Finanza, in seguito a una segnalazione anonima, effettuarono un controllo e scoprirono che i migranti indicati come presenti in realtà non c’erano e la struttura sembrava vuota da parecchi giorni. E. A. ha spiegato in aula che i ragazzi erano stati trattenuti a Ceva (dove stavano svolgendo un corso) per via di un’allerta meteo che non consentiva il rientro a Montezemolo: “La Prefettura doveva gestire 3.500 migranti e in casi di emergenza si procedeva con accordi verbali perché era impossibile attendere le autorizzazioni scritte. Quando vennero a controllare a Ceva gli ispettori erano stizziti e non vollero neanche vedere il pulmino che stava per riportare i ragazzi a Montezemolo”. Dalla testimonianza è emerso che i report sulle presenze erano sia giornalieri sia di riepilogo mensile, e che ogni responsabile della struttura fotografava il foglio delle presenze e lo inviava alla sede centrale della cooperativa a Torino che poi inviava il tutto alla Prefettura. “I Centri di accoglienza straordinaria erano una cosa diversa dalle scuole dove si tenevano i vari corsi – ha proseguito E. A. -: nelle scuole mandavamo i ragazzi in base all’etnia e alla lingua. La presenza nel Cas implicava che si fosse presenti per almeno un minuto. Non c’era indennità extra per i corsi che facevano parte dell’accordo con la Prefettura”. La conferma è venuta anche dai vari operatori, mediatori culturali e insegnanti che avevano svolto la loro attività nei vari centri della provincia e che hanno riferito che i richiedenti asilo firmavano il foglio di presenza nella struttura dove erano stati registrati ma non in quella dove andavano a seguire i corsi, come Savigliano dove i ragazzi seguivano corsi di cucina e servizio di sala o Pietra Ligure dove imparavano a fare muretti a secco e giardinaggio. Capitava però che i ragazzi svolgessero attività anche nelle strutture dove erano registrati, come a Valdieri dove erano stati svolti lavori utili alla comunità.
“Succedeva che svolgessero corsi formativi a Savigliano e li accompagnavamo, ma facevano anche lavori socialmente utili in valle – ha riferito uno degli operatori -, da pulizia strade e sgombero neve alla pulizia del cimitero. Quattro o cinque ragazzi sono anche stati assunti in valle. Facevano le partite con la gente del paese e gli era anche stata regalata una maglietta col loro nome. Del vitto e dell’alloggio durante le trasferte per i corsi si occupava la cooperativa”. L’udienza è stata rinviata al 26 ottobre con la deposizione dei testimoni di difesa.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente