La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Le Acli alla carovana della Pace di Boves

"80 anni fa il primo eccidio nazista in Italia: difendiamo insieme la pace"

La Guida - Le Acli alla carovana della Pace di Boves

“Oggi siamo qui per ribadire che la pace è l’unica via percorribile”. Emiliano Manfredonia, presidente nazionale delle Acli, insieme a centinaia di aclisti provenienti da tutta Italia, hanno partecipato oggi pomeriggio alla Carovana della Pace di Cuneo, tradizionale manifestazione organizzata dalla curia diocesana e da altre associazioni, per commemorare le vittime del primo eccidio nazista in Italia, avvenuto a Boves 80 anni fa.

Le Acli hanno voluto concludere così l’Incontro nazionale di Studi, dedicato quest’anno all’Intelligenza Artificiale: “Marciare per la pace e ricordare la nostra resistenza è il miglior modo per terminare questi quattro giorni di confronto”, ha spiegato Manfredonia.

Boves racconta un pezzo di storia tragica d’Italia: il 19 settembre 1943 le SS naziste incendiarono questo piccolo paese del cunese, distruggendo 350 case e assassinando 24 persone. Il 31 dicembre dello stesso anno le abitazioni dei civili furono nuovamente date alle fiamme e 59 persone persero la vita. Il 26 aprile del 1945, mentre l’Italia gioiva per la Liberazione, i nazisti in ritirata fucilarono 9 bovesani.

“Per noi oggi è una storia passata: ma non è così per altre parti del mondo. Ancora in questo tempo vediamo guerre ed eccidi che non hanno fine. Siamo molto preoccupati per quella che Papa Francesco ha definito “la terza guerra mondiale a pezzi”. Lavoriamo sul territorio per sensibilizzare l’opinione pubblica, costruendo una memoria del passato condivisa”, ha continuato il presidente nazionale delle Acli.

Le Acli scenderanno nuovamente in piazza a Roma il 7 ottobre per partecipare alla manifestazione “La via maestra” e chiedere pace, lavoro e dignità. “La nostra Repubblica ripudia la guerra: un verbo particolare che ci fa intendere come chi scrisse la Carta Costituzionale volesse escludere in tutti i modi l’opzione bellica tra quelle consentite. Noi delle Acli crediamo che solo rispettando i principi iscritti nella Costituzione si possa garantire un modello di democrazia compiuta”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente