La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 25 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Allevamenti da carne, per la Piemontese è l’ora di agire con l’Igp

Nell'incontro estivo dell'Anaborapi è stata ribadita la necessità di far decollare davvero il marchio di tutela e di valorizzazione

La Guida - Allevamenti da carne, per la Piemontese è l’ora di agire con l’Igp

Cuneo – Per la zootecnia della Granda e in particolare per gli allevatori della razza bovina Piemontese è l’ora di ripartire con forza sull’Igp e sulla valorizzazione delle carni, per contrastare gli anni duri che le stalle stanno attraversando. Un rinnovato impegno in questo senso è giunto nei giorni scorsi dalla Regione, in occasione della festa estiva dell’Anaborapi (Associazione nazionale allevatori bovini di razza Piemontese, con sede a Carrù), che i è tenuto a Valcasotto.
Nell’incontro (nella foto, con i referenti dell’Anaborapi), tradizione ventennale tra le vallate cuneesi e torinesi (e quest’anno vi hanno partecipato più di 200 allevatori), all’assessore regionale all’agricoltura Marco Protopapa sono state presentate le principali problematiche che stanno attraversando gli allevatori di Piemontese (oltre 4.000 famiglie diretto-coltivatrici e il vasto indotto).
Il consiglio direttivo dell’Anaborapi, che si è riunito in occasione dell’incontro, ha presentato alla Regione “una situazione che rischia veramente di far chiudere aziende importantissime per l’economia dell’intera regione”.
Con particolare forza, oltre alle questioni collegate ai costi di produzione, è stata ribadita la necessità di far decollare davvero la denominazione europea di tutela Igp “Vitellone Piemontese della Coscia”, promossa a suo tempo dal consorzio di valorizzazione Coalvi. “A fine 2016 – ha sottolineato il presidente Anaborapi, Andrea Rabino – il ‘Vitellone piemontese della coscia’ ha ottenuto il riconoscimento dell’Indicazione geografica protetta. Un iter partito nel 2009, concluso con un importante risultato. È un peccato che a sette anni di distanza da questa grande opportunità, l’Igp sia ancora ferma ai box di partenza!”.
L’assessore Protopapa ha confermato che la Regione considera strategico l’allevamento della Piemontese: “L’Igp è uno strumento importantissimo, per certificare e tutelare il prodotto, per valorizzarlo anche attraverso le risorse che l’Ue mette a disposizione. Per l’efficace funzionamento dell’Igp è necessario che l’intera filiera sia pienamente partecipe: la Regione è disponibile a organizzare un tavolo con tutti i soggetti”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente