La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 21 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Sale da gioco, il Tar dà ragione al sindaco di Centallo sui limiti agli orari

Respinto il ricorso di un operatore e stabilita la legittimità della misura introdotta con un'ordinanza sindacale nel 2016: “Il sindaco può limitare il funzionamento degli apparecchi”

La Guida - Sale da gioco, il Tar dà ragione al sindaco di Centallo sui limiti agli orari

Roma – L’ordinanza sindacale che nel Comune di Centallo permette il funzionamento degli apparecchi da gioco dalle 12 alle 24, è “adeguata e proporzionata rispetto agli obiettivi perseguiti, ossia la prevenzione, il contrasto e la riduzione del gioco patologico”.

Lo ha stabilito il Tar del Piemonte, che ha respinto il ricorso di un operatore stabilendo la legittimità della misura introdotta con un’ordinanza sindacale nel 2016. Il primo cittadino, spiega il collegio, ha infatti la competenza per adottare tali provvedimenti, poiché l’ordinanza “può essere utilizzata dalle amministrazioni comunali per disciplinare gli orari delle sale giochi e degli esercizi nei quali sono installate le apparecchiature per il gioco”.

Il Tar ha poi sottolineato, riguardo alla legge regionale sul gioco, che essa “non comprime affatto l’autonomia amministrativa degli enti locali, tenuto conto che a questi ultimi viene attribuita sia la verifica in ordine alla effettiva sussistenza, in ambito locale, di ragioni di interesse pubblico per disporre limitazioni temporali all’esercizio del gioco lecito con vincite in denaro, sia la facoltà di modulare liberamente il contenuto del provvedimento limitativo, con il solo rispetto di un limite minimo predeterminato di divieto di utilizzo degli apparecchi automatici”.

L’amministrazione, prosegue la sentenza, ha “realizzato un ragionevole contemperamento degli interessi economici degli imprenditori del settore con l’interesse pubblico a prevenire e contrastare i fenomeni di patologia sociale connessi al gioco compulsivo”.

Per questo il Tar ha respinto il ricorso e confermato i limiti orari del Comune di Centallo.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente