La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 13 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Morto Guido Bodrato, cuneese di origine, a lungo parlamentare Dc

È morto a 90 anni è stato parlamentare ed europarlamentare, e direttore de Il Popolo

La Guida - Morto Guido Bodrato, cuneese di origine, a lungo parlamentare Dc

Cuneo – È morto all’età di 90 anni, Guido Bodrato, storico dirigente della Democrazia Cristiana e a lungo parlamentare. Cuneese di origine, era nato a Monteu Roero, Bodrato si era laureato in giurisprudenza a Torino, dove poi ha vissuto, ed è stato ricercatore universitario in economia. Iscritto al Movimento Federalista Europeo, è stato eletto deputato al Parlamento italiano per sette legislature dal 1968 al 1994 e poi al Parlamento europeo dal 1999 al 2004, dopo essere stato a lungo consigliere comunale a Torino. È stato insieme a Donat-Cattin, il leader della corrente democristiana Forze Nuove e poi stretto collaboratore di Benigno Zaccagnini e fondatore (insieme a Martinazzoli, Galloni, Granelli, Elia e altri) dell’Area Zac.
Ha ricoperto l’incarico di ministro della pubblica istruzione dal 1980 al 1982 (nei governi Forlani I e Spadolini I e II); dal 1982 al 1983 è stato ministro del bilancio e della programmazione economica nel V governo Fanfani. Dopo l’esperienza di vicesegretario unico della Democrazia Cristiana (dapprima con la segreteria De Mita e poi con quella Forlani, ai tempi della quale ha contrastato in particolare la legge Mammì sul sistema radiotelevisivo), è rientrato al governo (Andreotti VII, dal 1991 al 1992) come ministro dell’industria e commercio. Commissario della Dc a Milano all’epoca della bufera di Tangentopoli, ha sostenuto il rinnovamento voluto dalla segreteria Martinazzoli e ha appoggiato il passaggio al Partito Popolare Italiano. Nel Parlamento europeo è stato il capodelegazione dei Democratico Cristiani Italiani nel Partito Popolare Europeo e tra i fondatori, insieme al francese François Bayrou, del Gruppo Schuman. Con i popolari francesi, catalani e belgi, ha deciso nel 2004 l’uscita dei democristiani dal PPE, ritenendo impossibile il connubio con i conservatori.
Dall’ottobre 1995 al 1999 è stato direttore politico del quotidiano Il Popolo.

 

 

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente