La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 16 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Alle battute finali il processo per un incidente mortale avvenuto a Mondovì

Le ricostruzioni, le perizie di accusa e difesa, le rispettive richieste: il 7 luglio è prevista la sentenza

La Guida - Alle battute finali il processo per un incidente mortale avvenuto a Mondovì

Mondovì – Sta per concludersi al tribunale di Cuneo il processo per omicidio stradale a carico di Z. A. E., il conducente dell’autocarro contro il quale si andò a schiantare la Fiat Panda condotta dal 72enne Arrigo Sergio, che perse la vita. Il giorno dell’incidente, intorno alle 15, i veicoli viaggiavano sulla statale 28, l’autocarro proveniva da Lesegno ed era diretto verso San Michele Mondovì, mentre la Fiat viaggiava in direzione opposta. In un tratto rettilineo, costeggiato su entrambi i lati da un muretto, la Fiat sterzò nella corsia dove viaggiava l’autocarro che provò una manovra disperata verso destra, non riuscendo però a evitare l’urto con l’auto. In seguito ai rilievi sulla velocità del mezzo pesante, risultò che Z. A. E. viaggiava a una velocità media di circa 70 km orari in un tratto di strada in cui pochi mesi prima era stato ridotto il limite massimo di velocità da 70 a 50 km orari; per questo superamento del limite massimo di velocità l’uomo è stato rinviato a giudizio. Dalla perizia medico-legale è però emerso che la vittima aveva effettuato quella brusca sterzata sulla corsia opposta in seguito a un malore; non è stato possibile stabilire se al momento dell’impatto fosse già morto. Entrambi i periti di accusa e difesa, chiamati a esporre in contraddittorio le rispettive conclusioni, hanno concordato che anche se l’autocarro fosse andato a un velocità inferiore, l’auto avrebbe proseguito la sua corsa verso la carreggiata opposta andando a urtare l’altro veicolo sul parafango anteriore destro anziché su quello sinistro o forse sul muretto che costeggiava la carreggiata, in ogni caso mantenendo la propria velocità, con lo stesso esito mortale. A conclusione dell’istruttoria è stato lo stesso pubblico ministero a chiedere l’assoluzione per l’imputato, richiesta cui si è associata la difesa sottolineando ancora una volta quanto emerso dalle due perizie e cioè che in caso di urto fra due mezzi in movimento si verifica un effetto rimbalzo che fa da compensazione mentre nel caso di un urto contro un ostacolo fermo, tutta l’energia della Fiat si sarebbe dissipata contro il muretto o contro l’autocarro fermo, in ogni caso con lo stesso esito mortale. Il giudice ha rinviato l’udienza al 7 luglio per il dispositivo.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente