La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Decreto Flussi, arrivate quasi il triplo delle domande

Le richieste per lavoratori stranieri caricate sul portale sono state 240.000 (82.705 quelle previste dal Decreto) ed è già allarme manodopera in agricoltura

La Guida - Decreto Flussi, arrivate quasi il triplo delle domande

Cuneo – Quasi 240.000 domande in meno di un’ora. Il click day di lunedì 27 marzo per l’ingresso in Italia dei lavoratori stranieri extracomunitari ha fatto registrare un boom di richieste, quasi il triplo delle disponibilità previste dal Decreto Flussi, 82.705 (di cui 44.000 – contro i 42.000 dell’anno scorso – riservate al lavoro stagionale e da dividersi tra agricoltura e settore turistico-alberghiero).
Numeri insufficienti, nonostante l’incremento, hanno ribadito le principali associazioni di categoria del mondo agricolo che hanno già lanciato l’allarme manodopera nelle campagne. “Con l’arrivo della primavera c’è bisogno di almeno centomila lavoratori per colmare la mancanza di manodopera che ha duramente colpito le campagne lo scorso anno con la perdita rilevante dei raccolti agricoli nazionali – dice il presidente della Coldiretti Ettore Prandini -. E’ necessario un decreto flussi aggiuntivo”.  Solo nel Cuneese, secondo i dati diffusi da Coldiretti Cuneo, sono oltre 10.000 i lavoratori stagionali assunti ogni anno dalle aziende agricole, con una forte rappresentanza di rumeni, albanesi e macedoni, oltre che marocchini, indiani e senegalesi. “Nonostante la crescita di interesse tra gli italiani – sottolinea il presidente di Coldiretti Cuneo, Enrico Nada – nelle nostre campagne resta fondamentale il contributo dei lavoratori stranieri al successo dell’agroalimentare Made in Cuneo nel mondo, dall’orticoltura alla frutticoltura fino alla viticoltura. Si tratta soprattutto di lavoratori dipendenti a tempo determinato che arrivano dall’estero e che ogni anno attraversano il confine per un lavoro stagionale per poi tornare nel proprio Paese, spesso stabilendo delle durature relazioni professionali oltre che di amicizia con gli imprenditori agricoli”.
Preoccupazioni anche da Confagricoltura Piemonte. “Le quote sono insufficienti per non rischiare di compromettere la raccolta e le lavorazioni essenziali di frutta e ortaggi – ha sottolineato il presidente Enrico Allasia -. Dall’analisi dell’annata agraria 2022, possiamo presumere che il contingente assegnato al settore primario in Piemonte non potrà soddisfare le richieste delle campagne: da 67 mila operai agricoli censiti nel 2021, di cui una significativa parte è rappresentata dagli stagionali, siamo passati ai quasi 81 mila necessari lo scorso anno e non si esclude un ulteriore incremento, in controtendenza rispetto al dato nazionale che vede diminuire gli occupati del settore primario”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente