La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Alcune statue osservano benevole gli umani crucci

Il libro è un’antologia di racconti in cui i narratori sono le statue di Torino

La Guida - Alcune statue osservano benevole gli umani crucci

. “Sono tre le cose che posso fare. La prima è osservare. La seconda è pensare. (…) La terza è annusare”. A parlare è la statua di un cane posta su una balaustra della Palazzina di caccia di Stupinigi.
Il libro è infatti un’antologia di racconti in cui i narratori sono appunto le statue di Torino che per qualche minuti svestono la loro silenziosa presenza e conducono il lettore tra pensieri e riflessioni provocate dagli atteggiamenti  degli umani passanti. Non fantasticherie stile “notte al museo”. Statue sono e statue restano: immobili, prive di una comunicazione con gli umani, ma non per questo meno attente a ciò che le circonda.
Certo c’è un po’ di rammarico per non poter ricambiare l’occhiolino del passante, ma sanno che proprio la loro riservatezza consente uno sguardo più profondo. Così ha ragione il cane. Annusare gli è proprio come animale, ma osservare e pensare lo accomuna a tutti gli altri monumenti e un po’ anche agli umani
Non sono dunque una guida turistica questi diciotto racconti che danno voce ad altrettante sculture. Non c’è un percorso. Sono piuttosto salti da un monumento all’altro senza badare alla dignità storica o artistica né al linguaggio del soggetto: ognuna è se stessa. Ha una sua personalità.
Anche il tempo viene sconvolto con libertà: il barocco si accosta al contemporaneo, il moderno si accompagna all’antico, il realismo al sogno.
L’idea guida è di fare del monumento una presenza che parla. L’arte si cala nella vita, la si incrocia, troppo spesso distrattamente, nelle piazze o sulle strade. Il monumento molte volte ha vita breve: vive i minuti dell’inaugurazione poi si trasforma in qualcosa di celebrativo, un arredo posizionato e poi dimenticato, appena sfiorato da occhi disattenti.
Quando la statua racconta la sua origine si fa custode di memoria della comunità oppure, più semplicemente, di interrogativo depositato nella mente del passante per non lasciarne appisolare il pensiero.

 

Diciotto sculture per Torino
Autori Vari
Neos
16 euro

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente