La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 25 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

L’abbraccio e il grazie della Granda all’imprenditore Amilcare Merlo

Nella conclusione del rito funebre il ricordo commosso e intimo dei nipoti, la cuneesità della Corale La Baita e l'impegno dell'azienda per portare avanti il lavoro del "Signor Merlo"

La Guida - L’abbraccio e il grazie della Granda all’imprenditore Amilcare Merlo

Cuneo – È stato forte l’abbraccio della città e della provincia, del mondo imprenditoriale e istituzionale, dei dipendenti e di tantissime persone ad Amilcare Merlo, nel pomeriggio di oggi (venerdì 11 novembre), in Duomo a Cuneo: una folla imponente e discreta, per l’ultimo saluto a un uomo e un imprenditore che ha portato alto il nome di Cuneo in Italia e nel mondo.
Nella conclusione del rito funebre, alcune testimonianze di saluto. La famiglia, anzitutto, che ha scelto di ricordarlo come marito, padre e nonno. Lo ha fatto nelle parole dei nipoti, nel loro racconto di aneddoti e situazioni vissute accanto al nonno, a quell’uomo che “guardava e subito immaginava”, che dai numeri e dalle parole ricavava un disegno. E hanno voluto ricordare numeri importanti per il nonno: “Tre, come eravate tu, nonna e zia Lina; cinque i tuoi figli, e tu avevi un rapporto unico con ciascuno di loro; sei nipoti, e infiniti altri numeri”. I sei ragazzi hanno ribadito l’impegno a portare avanti quella testimonianza fatta di “tenacia, dedizione, attenzione per le persone e per le piccole cose”.
Alessandro Biadene, presidente della Corale La Baita, ha ricordato il legame tra Amilcare Merlo e la corale, di cui aveva fatto parte fin da adolescente (“en braie curte”, diceva lui stesso) e a cui è sempre stato profondamente legato e in cui ha portato i suoi tratti di “cuneesità come rispetto delle regole, condivisione con gli altri, coinvolgimento”.
La voce dell’azienda è stata affidata a uno storico collaboratore, Paolo Peretti: “Da quando sono entrato in Merlo, mi sono accorto che per il Signor Merlo non esisteva la parola impossibile e per trent’anni ne ho avuto conferma. In questi giorni, ripensando a lui, in quel sorriso ho rivisto questi trent’anni, ma non sono riuscito a trovare le parole per raccontare chi era. Possiamo sintetizzare solo in due parole: un grande uomo, legato alla sua famiglia e a tutti noi, i suoi dipendenti, che chiamava la sua famiglia allargata. Ci lascia un segno tangibile della forza di un grande imprenditore e di una forte personalità. E al tempo stesso, nel suo andarsene, ci lancia una sfida: portare avanti la sua impresa e la sua visione. Lui ci sta guardando e noi la porteremo avanti, perché in Merlo niente è impossibile. Grazie, Signor Merlo!”.
Il feretro è poi stato portato all’esterno della cattedrale sulle parole del canto di montagna “Signore delle cime”, che Amilcare Merlo amava particolarmente. Tanti gli abbracci e i saluti ai familiari. La salma è poi stata portata al cimitero di San Rocco Castagnaretta, per la tumulazione nella tomba di famiglia.

 

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente