La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 16 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Processo per truffa a carico di quattro responsabili di tre cooperative che gestivano centri di accoglienza per i richiedenti asilo

L’accusa è di aver indebitamente percepito il sussidio di 35 euro disposto dal Governo, per un totale di circa 300.000 euro

La Guida - Processo per truffa a carico di quattro responsabili di tre cooperative che gestivano centri di accoglienza per i richiedenti asilo
Cuneo – È proseguito al tribunale di Cuneo il processo per truffa a carico dei quattro responsabili di tre cooperative che gestivano vari centri di accoglienza straordinari per i richiedenti asilo (Cas), in provincia di Cuneo. A carico di G.B. della cooperativa Immacolata 1892, C.B. e G.M. della cooperativa Tulipano ed E.A. della cooperativa Casa dell’Immacolata, l’accusa è di aver indebitamente percepito il sussidio di 35 euro disposto dal Governo ed erogati tramite le Prefetture, per un totale di circa 300.000 euro, attestando falsamente la presenza dei richiedenti asilo presso le strutture quando invece questi si trovavano altrove.
L’inchiesta era partita nel 2017 da una segnalazione anonima e aveva portato a controlli in tutte le strutture cuneesi da parte della Guardia di Finanza che, nella precedente udienza aveva illustrato gli elementi raccolti a carico degli imputati. Primo fra tutti il fatto che durante un sopralluogo nel centro di Montezemolo, non erano stati trovati i dieci ragazzi che risultavano dai fogli di presenza, perché in quel momento si trovavano presso un centro di Pietra Ligure dove svolgevano corsi per fare muretti a secco, giardinaggio e allevamento di asini, un luogo che però non risultava in alcun documento né presso le cooperative né alla Prefettura come sede di corsi formativi.
Nel corso dell’ultima udienza sono stati ascoltati i primi di una lunga serie di testimoni chiamati dall’accusa: operatori, mediatori culturali e insegnanti che avevano lavorato presso i centri di Ceva, Borgo San Dalmazzo e Valdieri. Da questi è emerso che i richiedenti asilo firmavano il foglio di presenza nella struttura dove erano stati registrati ma non in quella dove andavano a seguire i corsi. A Savigliano i ragazzi seguivano corsi di cucina e servizio di sala, a Pietra Ligure imparavano a fare muretti a secco e giardinaggio, ma c’erano anche le strutture, come quelle di Valdieri, dove gli ospiti svolgevano lavori utili alla comunità. “Capitava che svolgessero corsi formativi a Savigliano e li accompagnavamo, ma facevano anche lavori socialmente utili in valle – ha riferito uno degli operatori -, dalla pulizia delle strade e sgombero neve, alla pulizia del cimitero. Quattro o cinque ragazzi sono anche stati assunti in valle. Facevano le partite con la gente del paese e gli era anche stata regalata una maglietta col loro nome. Del vitto e dell’alloggio durante le trasferte per i corsi si occupava la cooperativa”. “Anche se i corsi duravano alcuni giorni, per lo più i ragazzi tornavano a dormire in struttura”, ha riferito un mediatore culturale della struttura di Ceva.
Lavori socialmente utili, collaborazione con le associazioni di volontariato locali, corsi di informatica, di italiano, sulla sicurezza e di igiene e comportamento, “l’importante era non farli oziare e quindi facevano vari corsi formativi”, ha ancora riferito l’operatore della struttura di Valdieri, “a Ceva avevano aiutato a pulire dopo l’alluvione e con me facevano 12 ore di lezione a settimana – ha raccontato un’insegnatne di italiano -. Io  li aiutavo a preparare il curriculum per le domande di lavoro”.  L’udienza proseguirà con altri testi il 5 dicembre .

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente