La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 4 marzo 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Guerra ieri e oggi, sul cippo: “Mandati allo sbaraglio come voi”

Uno dei giovani uccisi a Cerialdo era tornato dalla campagna di Russia. Lo ricorda un fiocco con i colori della bandiera dell'Ucraina

La Guida - Guerra ieri e oggi, sul cippo: “Mandati allo sbaraglio come voi”

Cerialdo – Dopo quasi 80 anni, un messaggio che torna d’attualità: sul cippo che a Cerialdo ricorda tre giovani, uccisi a 23 e 24 anni dai nazifascisti nel novembre 1944 dopo una notte di torture seguita a una rappresaglia tra Passatore e Cerialdo, nei giorni scorsi è comparso un fiocco azzurro e giallo. Accanto a quei colori, che richiamano la bandiera dell’Ucraina, un messaggio dedicato a “Tino” e a soldati in guerra oggi: “Tu sei tornato dalla Russia e sei morto qui. Prega e proteggi tutti i ragazzi ucraini e russi che sono stati mandati allo sbaraglio come voi”. “Tino” era Giovanni Battista Galliano, classe 1921 e reduce di Russia, uno dei tre giovani uccisi in quel punto: dal giugno 1942 al marzo 1943 fu mandato a combattere sul fronte russo, da cui dopo enormi sofferenze riuscì a rientrare, pur malato. Dopo lo “sbandamento” dell’8 settembre, da un ospedale militare in Calabria ritornò a Cuneo, a piedi e con passaggi di fortuna, dopo oltre un mese. Quando guarì, riprese il lavoro, ma un anno dopo il rientro dalla Russia cadde vittima dei nazifascisti. Nel marzo di quello stesso anno un altro figlio della famiglia Galliano, Luigi, era stato ucciso sul monte San Bernardo mentre lottava con una formazione partigiana. Azzurro e giallo compaiono anche tra i fiori accanto al cippo, insieme con il nostro tricolore. Per un messaggio che va oltre il tempo e oltre i confini, invocando una speranza di pace.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente