La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 17 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Autostrada Asti-Cuneo, al lavoro sull’ultimo lotto ma con tante incognite

Oggi Cirio e Gabusi ad Alba con l'amministratore delegato Magrì che annuncia l'impegno di chiudere prima i lavori ma rimangono in sospeso la gratuità della tangenziale e le tante opere complementari fuori finanziamento

La Guida - Autostrada Asti-Cuneo, al lavoro sull’ultimo lotto ma con tante incognite

Alba -Oggi, lunedì 17 gennaio alle ore 16 nel salone consiliare del Comune di Alba il presidente della Regione, l’albese Alberto Cirio e l’assessore alle infrastrutture Marco Gabusi incontrano i sindaci per condividere gli aggiornamenti sul cronoprogramma del cantiere dell’Autostrada Asti Cuneo. Dovrebbe esserci anche l’amministratore delegato di Asti-Cuneo spa, Bernardo Magrì che potrebbe annunciare l’impegno i terminare prima l’ultimo tratto di completamento dell’A33.
I lavori lotto II.6b sono oggi in piena esecuzione e l’’ultimazione dei lavori del lotto è prevista per il 15 dicembre 2023. I problemi riguardano l’altro lotto il II.6a con tappe dell’iter amministrativo dalle quali dipende la partenza dei lavori, il procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale, il procedimento di esame ed accertamento della Conformità Urbanistica, e poi l’approvazione Progetto Definitivo/Esecutivo da parte del ministero. Il nuovo progetto ha abbandonato quello iniziale del tunnel al di sotto del Tanaro a favore dell’utilizzo della tangenziale di Alba, opportunamente adeguata, come autostrada. La Regione ha terminato a dicembre la Valutazione di Impatto Ambientale.  La data di inizio lavori è fissata per giugno 2022, la fine dei lavori dopo 30 mesi, quindi a dicembre 2024 o inizio 2025.

Rimangono tanti ma. Il primo è la gratuità della tangenziale superstrada di Alba, che il territorio richiede a gran forza ma che è ancora del tutto in dubbio.”La gravissima conseguenza – scrive il sindaco di Alba Carlo Bo – sarebbe un traffico insostenibile su corso Asti, che farebbe tornare indietro la città agli anni ‘70, prima della costruzione della tangenziale, con il traffico odierno che è decuplicato. In questo senso la Città di Alba, insieme ai Comuni del territorio della sinistra Tanaro, chiede che venga attentamente valutata la seria problematica e venga posto rimedio: non si potranno accettare soluzioni che apportino svantaggi al territorio e alla popolazione rispetto situazione pre-esistente”. Se sembra garantita una parte della tangenziale non così l’uscita verso l’ospedale di Verduno.

E poi ci cono le opere complementari e non solo ad Alba, “adeguate opere complementari di adduzione all’autostrada, fondamentali per il nostro territorio” scrivono sindaci e Provincia di Cuneo alla Società Asti Cuneo e alla Regione Piemonte. Ma proprio l’assessore Gabusi ammette: “Al momento le opere fondamentali non sono finanziate, ma inizia una stagione di nuovi investimenti”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente