La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 18 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Virus, detenuti e limitazioni per la prevenzione del contagio

La rete dei Garanti comunali e regionali del Piemonte al lavoro per salvaguardare la salute dei ristretti

La Guida - Virus, detenuti e limitazioni per la prevenzione del contagio

Il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà Mauro Palma ha rivolto un accorato appello ai detenuti che in base alle misure restrittive adottate per l’emergenza coronavirus non potranno ricevere le visite dei propri congiunti: “Capisco la vostra contrarietà, ma vi assicuro che si stanno ampliando tutte le possibilità di comunicazione con i vostri cari, anche dotando gli istituti di telefoni cellulari disponibili, oltre che di mezzi per la comunicazione video. Tutti noi garanti, nazionale e locali, controlleremo che queste possibilità siano effettive. E siamo disponibili a spiegare negli Istituti che questa situazione è una necessità per difendere la salute di tutti: la vostra, quella dei vostri cari e di chi in carcere lavora e anche di tutti noi”.

Bruno Mellano, Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà della Regione Piemonte: “Anche in Piemonte la rete dei Garanti comunali e regionale è più che mai attiva nella tutela dei diritti e della dignità degli odierni 4.687 detenuti, ma oggi in primo luogo è in gioco la salvaguardia della salute della comunità penitenziaria nel suo complesso e nel suo rapporto con il tessuto sociale esterno. In un momento in cui siamo tutti un po’ prigionieri e lontani dai nostri cari, forse anche l’opinione pubblica può capire quanto siano pesanti i vincoli ulteriori che pesano in questi giorni su chi è ristretto in carcere. Domani è prevista una riunione (digitale) del Coordinamento piemontese dei Garanti e lunedì saremo al fianco dei Direttori di carcere per condividere la difficoltà del momento nelle interlocuzioni necessarie con la popolazione detenuta. Ribadisco quanto sia necessaria una spinta innovativa anche da parte della Magistratura di Sorveglianza piemontese: occorre far uscire il prima possibile dal carcere – per l’esecuzione penale esterna – i detenuti anziani, malati e con pluripatologie gravi a rischio vita”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente