La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 25 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Visto con voi: “La morte e la fanciulla” al Toselli

Abbondanza-Bertoni, la celebre compagnia di danza contemporanea, lascia mozzafiato il pubblico del teatro cuneese mettendo in scena il capolavoro di Schubert

La Guida - Visto con voi: “La morte e la fanciulla” al Toselli

 

Cuneo – Se Schubert si spense nel 1828 all’età di 32 anni, non fu per imprecisate febbri nervose, come recitava l’atto di morte, ma per la sifilide contratta sei anni prima. La malattia gli causò fino alla fine ricoveri in ospedale, emicranie, inappetenza, allucinazioni, spaventosi sbalzi d’umore e, a causa del mercurio usato come medicinale, anche tremolii alle mani che gli impedivano di suonare. Fu però nel 1824 che capì che per lui non c’era più speranza di guarire e, forse anche per questo motivo, compose un quartetto per archi, pubblicato postumo, “La morte e la fanciulla”, che sviluppava il Lied dallo stesso titolo da lui composto nel 1817 su versi di Matthias Claudius. Insomma, un giovane genio destinato a morte certa scrisse musica che, senza usare nemmeno una parola, mostrava in modo lancinante la fragilità della vita, l’istinto di sopravvivenza e la solitudine dell’angoscia di fronte all’approssimarsi della fine.
Usando questi due capolavori omonimi, nota per nota, accento per accento, una delle migliori formazioni italiane di danza contemporanea, Abbondanza/Bertoni, ha creato una partitura di gesti e movimenti messa in scena – con eccezionale immedesimazione – da un trio di bravissime danzatrici (Eleonora Ciocchini, Valentina Dal Mas e Claudia Rossi Valli). Candidato al premio Ubu nel 2017, lo spettacolo è arrivato anche al Toselli di Cuneo il 1° aprile. Un’ora di emozioni senza reti protettive per lo spettatore, dove i corpi nudi delle tre donne, scossi e percossi dal ventaglio di sensazioni, turbamenti, memorie e ansie evocato da Schubert, s’intrecciavano con un uso mirabile della luce, del fumo, del riverbero applicato in certi momenti alla musica e delle immagini video. In particolare queste ultime, riprese a bassa definizione in anonimi backstage (a cura dei trentini Jump Cut, gli stessi del documentario “Complimenti per la festa” con i Marlene Kuntz), mostravano il doppio quasi fantasmatico delle tre danzatrici. Come se fossero osservate segretamente dalla Morte in persona. Uno spettacolo che toglieva il fiato. Bellissimo.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente